Home  ›  Blog  ›  Psicologia & dintorni

Il lavoro oggi.. che ansia!
  


L’ansia è un sentimento normale, ci aiuta a superare situazioni nuove o difficili, favorendo l’adattamento. È possibile che la realtà di questi ultimi anni ci richieda di tollerarne troppa, troppo a lungo e in più contesti simultaneamente.

 
La necessità di rimettersi in gioco continuamente, ripartire spesso da zero, non avere la certezza che gli sforzi e i sacrifici condurranno al risultato desiderato, mettono a dura prova la nostra sopportazione!

Come ridurre l’ansia?
  1. Non indugiare troppo a lungo sui pensieri negativi: aumenta la percezione di pericolo e il pensiero può essere confuso con la realtà. Rimuginare su ciò che ci preoccupa aumenta, inoltre, la percezione di incontrollabilità sulla situazione. Ritagliate un momento nella giornata per rilassarvi in un luogo tranquillo o del tempo da passare con persone positive per voi, per “staccare la spina”. 
  2. Datevi un appuntamento con le preoccupazioni: stabilite momento della giornata e durata. Le riflessioni e i pensieri su ciò che avviene al di fuori di questa finestra di tempo sono rimandate all’appuntamento successivo. 
  3. Ripensare a situazioni passate simili, che sono state superate. Ripensare a preoccupazioni passate, anche di altro genere, che non si sono mai verificate realmente. 
  4. Scrivere su un foglio i pensieri che generano ansia e strapparlo, bruciarlo o lanciarlo lontano. Quando non riusciamo a fermare il flusso dei nostri pensieri, può essere utile fare qualcosa, come scrivere un pensiero. 
  5. Respirare profondamente, per qualche minuto, quando sentiamo che l’agitazione e l’irrequietezza stanno aumentando velocemente.